Dintorni di Sassari nel 1300

Avvenimenti diversi

 

Non abbiamo alcun documento da cui poter dedurre i diversi avvenimenti accaduti durante il Governo della Repubblica Sassarese, dal 1294 al 1323. Ecco quanto ci fu dato raccogliere:

1294 – Il Comune di Sassari, alleato colla Repubblica di Genova, scaccia dalle sue mura e dal suo territorio tutti i Pisani, pure compresevi le donne del convento cosìdetto delle Monache di Pisa.

1297 – La Repubblica di Sassari si collega col Giudice di Gallura e con Brancadoria, e manda un forte nerbo di truppe, le quali invadono il Regno di Arborea. I Sassaresi ritornano carichi di spoglie nemiche. Così il Tola.

1306 – L’arcivescovo turritano Teodorico si reca dal re Don Giacomo come ambasciatore di Sassari, e gli offre, non solo di riconoscerlo come sovrano, ma anche di servirlo finché avesse conquistata tutta la Sardegna. Il Re gradì questa dedizione volontaria, e più perché la città di Sassari era tenuta come la chiave di tutto il Regno (come la chiamò il papa Clemente IV). E la trattò come primogenita fra tutte le altre, concedendole privilegi. Così il Vico. Comunque sia, a me pare che questo fatto sia importantissimo, perché dinoterebbe 1’esistenza sin d’allora, di un partito a Sassari, il quale osteggiava la Repubblica, forse prevedendo che la Sardegna finirebbe per cadere in potere della Spagna.