Regioni diverse

Diamo ora il nome di diverse regioni dei dintorni di Sassari, che ricaviamo dai diversi articoli contenuti negli Statuti. Dei nomi di alcune regioni non si ha più memoria; altre conservarono sino ad oggi la stessa denominazione; altre infine subirono qualche alterazione col volgere dei tempi, e di queste daremo il nome moderno:
Molino de Lauros (oggi Badditosta) – Corru Cherbino (San Francesco) – Enene (villaggio verso l’Acqua Chiara) – Fontana de Balsamu (Barca) – Scala de Cloca (Scala di Ciogga) – Taverra (Taberra) – Badde de Bosue (Badde Usu) – Corte de Sanctu Martinu (San Quirico) – Sarrachinella (Sarrainedda) – Santa Maria de Joscla (Gioscari) – Sanctu Miali de Murusas (San Miali Amorosu).
Nuraghe de Annaos. – Questa denominazione è degna di nota. Gli studiosi dovrebbero studiare la radice di Annaos, la quale forse (chi lo sa?) potrebbe dare un po’ di luce sull’origine dei Nuraghi o di quel Nuraghe. Questo nuraghe trovasi precisamente in mezzo a due regioni che hanno la radice di anna, cioè Piandanna, (piano di annaos) e Montidimannu (forse monte de annaos). – Chi era questo Annaos?
Agli studiosi del genere i commenti. Io continuo:
Su Nuraghe (oggi Li Luzani) – Molinu de Comita Frundari (non del conte Fluridari, come ha letto il Tola).
Badu petrosu (Baddi peddrosa)- Tanaghe (Taniga; la quale nel 1131 non vantava alberatura, né vigne, perché è designata col nome di Campu de Tanaghe, come nota il Tola nel suo Codice Diplomatico) – Lentas (villaggio distrutto, e forse l’attuale Logulentu, (Luogo di Lentas). Difatti sopra i giardini di questa regione, dice il Bettinali, facendo scavi si trovarono alcuni avanzi di antiche case.
Valle de Isala – Monte de Nidu de Corbu – Valle d’Othila – Badde de Sanctu Giogli – Scala de Abe – Molinu de sorra (di sopra) – Valle de Gurusele – La pidrecca – Sanctu  Pedru de Enene – Sanctu Simplichio – Sa argiola de Santa Caterina – De latila – Funtana de Canache (Caniga) – Argiola de San Pedru – Monte de Sechiu (Baddimanna).