Inni patriottici

Dopo la rivoluzione francese, non mancarono, anche in Sardegna, i canti popolari sulla libertà dei popoli. Fra gli altri notiamo una poesia italiana che in quei tempi correva sulla bocca dei sardi, e di cui riportiamo alcune strofe.

Del dispotico potere

Ite al fuoco iniqui editti;

Son del sardo i primi dritti.

Uguaglianza e libertà.

 

Non v’è servo e né signore,

Vincitor non v’ha, né vinto;

Sol dall’un l’altro è distinto

Per virtude e lealtà.

 

Coro: Son del sardo i primi dritti:

Uguaglianza e libertà!

 

Solo il popolo è sovrano,

Egli solo ha scettro e brando,

Nascer dee dal suo comando

Ogni giusta autorità.

 

Vi è la legge che ci affrena,

Che ci guida e ci condanna:

Legge santa, e non tiranna,

Che più liberi ci fa.

 

Coro: Son del sardo i primi dritti

Uguaglianza e libertà!

Play Video

L’inno, però, più popolare, era in quegli anni quello in lingua sarda Procurad’e moderare, Barones sa tirannia – composto dal poeta ozierese Cav. Francesco Mannu, e stampato clandestinamente in Corsica. Tutte le popolazioni delle ville locantavano con frequenza; esso era l’inno della redenzione. Quando le turbe armate, guidate da Mundula e Cilocco, si diressero alla volta di Sassari per darle l’attacco; quando Angioi entrava in Sassari, destando l’entusiasmo generale; in tutte le feste e dimostrazioni di allegria che si fecero dalle ville per la guerra dichiarata al feudalismo, quell’inno popolare era sulla bocca di tutti, accolto dagli applausi generali. – Come la Grecia ebbe il suo Tirteo; come la Francia ebbe la Marsigliese; come l’Italia moderna ebbe l’inno di Mameli e di Garibaldi – così la Sardegna ebbe l’inno d’insurrezione contro la tirannia dei feudatari.

La poesia descrive al vivo l’orrore del Governo feudale, e chiama i popoli alla riscossa in nome dei diritti dell’uomo; accenna parimenti all’oligarchia piemontese di quei tempi.

L’inno si compone di ben 47 strofe ottonarie; e credo far cosa grata ai lettori pubblicandolo originalmente, in lingua sarda; tanto più che è un documento rarissimo, ed ignorato dai più. Alla poesia sarda farò seguire una versione italiana, numerandone i periodi per poterla riscontrare coi numeri delle stroffe originali – Ho tradotto la poesia per farla conoscere ai non intendenti di lingua sarda; – dichiaro però che la mia traduzione è ben lontana dal ritrarre l’efficacia, la fierezza, e le vive immagini dell’originale.

(Noi però tralasciamo la traduzione in italiano del Costa e proponiamo quella in italiano corrente dei Tenores di Neoneli, autori del canto riportato nel video, ndr).

A proposito di quest’inno scrive il Manno: «Non fuvvi mai scrittura che abbia scolpito più al vivo la possanza feudale quanto quella del Cav. Francesco Mannu d’Ozieri. »

Lingua sarda

Trad. in italiano corrente Coro di Neoneli

1. Procurade e moderare,
Barones, sa tirannia,
Chi si no, pro vida mia,
Torrades a pe’ in terra!
Declarada est già sa gherra
Contra de sa prepotenzia,
E cominzat sa passienzia
ln su pobulu a mancare

2. Mirade ch’est azzendende
Contra de ois su fogu;
Mirade chi non est giogu
Chi sa cosa andat a veras;
Mirade chi sas aeras
Minettana temporale;
Zente cunsizzada male,
Iscultade sa ‘oghe mia.

3. No apprettedas s ‘isprone
A su poveru ronzinu,
Si no in mesu caminu
S’arrempellat appuradu;
Mizzi ch’es tantu cansadu
E non ‘nde podet piusu;
Finalmente a fundu in susu
S’imbastu ‘nd ‘hat a bettare.

4. Su pobulu chi in profundu
Letargu fit sepultadu
Finalmente despertadu
S’abbizzat ch ‘est in cadena,
Ch’istat suffrende sa pena
De s’indolenzia antiga:
Feudu, legge inimiga
A bona filosofia!

5. Che ch’esseret una inza,
Una tanca, unu cunzadu,
Sas biddas hana donadu
De regalu o a bendissione;
Comente unu cumone
De bestias berveghinas
Sos homines et feminas
Han bendidu cun sa cria 

6. Pro pagas mizzas de liras,
Et tale olta pro niente,
Isclavas eternamente
Tantas pobulassiones,
E migliares de persones
Servint a unu tirannu.
Poveru genere humanu,
Povera sarda zenia!

7. Deghe o doighi familias
S’han partidu sa Sardigna,
De una menera indigna
Si ‘nde sunt fattas pobiddas;
Divididu s’han sas biddas
In sa zega antichidade,
Però sa presente edade
Lu pensat rimediare.

8. Naschet su Sardu soggettu
A milli cumandamentos,
Tributos e pagamentos
Chi faghet a su segnore,
In bestiamen et laore
In dinari e in natura,
E pagat pro sa pastura,
E pagat pro laorare.

9. Meda innantis de sos feudos
Esistiana sas biddas,
Et issas fe ni pobiddas
De saltos e biddattones.
Comente a bois, Barones,
Sa cosa anzena est passada?
Cuddu chi bos l’hat dada
Non bos la podiat dare.

10. No est mai presumibile
Chi voluntariamente
Hapat sa povera zente
Zedidu a tale derettu;
Su titulu ergo est infettu
De s’infeudassione
E i sas biddas reione
Tenene de l’impugnare

11. Sas tassas in su prinzipiu
Esigiazis limitadas,
Dae pustis sunt istadas
Ogni die aumentende,
A misura chi creschende
Sezis andados in fastu,
A misura chi in su gastu
Lassezis s ‘economia.

12. Non bos balet allegare
S’antiga possessione
Cun minettas de presone,
Cun gastigos e cun penas,
Cun zippos e cun cadenas
Sos poveros ignorantes
Derettos esorbitantes
Hazis forzadu a pagare

13. A su mancu s ‘impleerent
In mantenner sa giustissia
Castighende sa malissia
De sos malos de su logu,
A su mancu disaogu
Sos bonos poterant tenner,
Poterant andare e benner
Seguros per i sa via.

14. Est cussu s’unicu fine
De dogni tassa e derettu,
Chi seguru et chi chiettu
Sutta sa legge si vivat,
De custu fine nos privat
Su barone pro avarissia;
In sos gastos de giustissia
Faghet solu economia

15. Su primu chi si presenta
Si nominat offissiale,
Fattat bene o fattat male
Bastat non chirchet salariu,
Procuradore o notariu,
O camareri o lacaju,
Siat murru o siat baju,
Est bonu pro guvernare.

16. Bastat chi prestet sa manu
Pro fagher crescher sa r’nta,
Bastat si fetat cuntenta
Sa buscia de su Segnore;
Chi aggiuet a su fattore
A crobare prontamente
Missu o attera zante
Chi l’iscat esecutare

17. A boltas, de podattariu,
Guvernat su cappellanu,
Sas biddas cun una manu
Cun s’attera sa dispensa.
Feudatariu, pensa, pensa
Chi sos vassallos non tenes
Solu pro crescher sos benes,
Solu pro los iscorzare.

18. Su patrimoniu, sa vida
Pro difender su villanu
Cun sas armas a sa manu
Cheret ch ‘istet notte e die;
Già ch ‘hat a esser gasie
Proite tantu tributu?
Si non si nd’hat haer fruttu
Est locura su pagare.

19. Si su barone non faghet
S’obbligassione sua,
Vassallu, de parte tua
A nudda ses obbligadu;
Sos derettos ch’hat crobadu
In tantos annos passodos
Sunu dinaris furados
Et ti los devet torrare.

20. Sas r’ntas servini solu
Pro mantenner cicisbeas,
Pro carrozzas e livreas,
Pro inutiles servissios,
Pro alimentare sos vissios,
Pro giogare a sa bassetta,
E pro poder sa braghetta
Fora de domo isfogare,

21. Pro poder tenner piattos
Bindighi e vinti in sa mesa,
Pro chi potat sa marchesa
Sempre andare in portantina;
S’iscarpa istrinta mischina,
La faghet andare a toppu,
Sas pedras punghene troppu
E non podet camminare

22. Pro una littera solu
Su vassallu, poverinu,
Faghet dies de caminu
A pe’, senz ‘esser pagadu,
Mesu iscurzu e ispozzadu
Espostu a dogni inclemenzia;
Eppuru tenet passienzia,
Eppuru devet cagliare.

23. Ecco comente s ‘impleat
De su poveru su suore!
Comente, Eternu Segnore,
Suffrides tanta ingiustissia?
Bois, Divina Giustissia,
Remediade sas cosas,
Bois, da ispinas, rosas
Solu podides bogare.

24. Trabagliade trabagliade
O poveros de sas biddas,
Pro mantenner’ in zittade
Tantos caddos de istalla,
A bois lassant sa palla
Issos regoglin’ su ranu,
Et pensant sero e manzanu
Solamente a ingrassare.

25. Su segnor feudatariu
A sas undighi si pesat.
Dae su lettu a sa mesa,
Dae sa mesa a su giogu.
Et pastis pro disaogu
Andat a cicisbeare;
Giompidu a iscurigare
Teatru, ballu, allegria

26. Cantu differentemente,
su vassallu passat s’ora!
Innantis de s’aurora
Già est bessidu in campagna;
Bentu o nie in sa muntagna.
In su paris sole ardente.
Oh! poverittu, comente
Lu podet agguantare!.

27. Cun su zappu e cun s’aradu
Penat tota sa die,
A ora de mesudie
Si zibat de solu pane.
Mezzus paschidu est su cane
De su Barone, in zittade,
S’est de cudda calidade
Chi in falda solent portare.

28. Timende chi si reforment
Disordines tantu mannos,
Cun manizzos et ingannos
Sas Cortes han impedidu;
Et isperdere han cherfidu
Sos patrizios pius zelantes,
Nende chi fint petulantes
Et contra sa monarchia

29. Ai cuddos ch’in favore
De sa patria han peroradu,
Chi sa ispada hana ogadu
Pro sa causa comune,
O a su tuju sa fune
Cheriant ponner meschinos.
O comente a Giacobinos
Los cheriant massacrare.

30. Però su chelu hat difesu
Sos bonos visibilmente,
Atterradu bat su potente,
Ei s’umile esaltadu,
Deus, chi s’est declaradu
Pro custa patria nostra,
De ogn’insidia bostra
Isse nos hat a salvare.

31. Perfidu feudatariu!
Pro interesse privadu
Protettore declaradu
Ses de su piemontesu.
Cun issu ti fist intesu
Cun meda fazilidade:
Isse papada in zittade
E tue in bidda a porfia.

32. Fit pro sos piemontesos
Sa Sardigna una cucagna;
Che in sas Indias s ‘Ispagna
Issos s ‘incontrant inoghe;
Nos alzaiat sa oghe
Finzas unu camareri,
O plebeu o cavaglieri
Si deviat umiliare…

33. Issos dae custa terra
Ch’hana ogadu migliones,
Beniant senza calzones
E si nd’handaiant gallonados;
Mai ch’esserent istados
Chi ch’hana postu su fogu
Malaittu cuddu logu
Chi criat tale zenìa

34. Issos inoghe incontr’na
Vantaggiosos imeneos,
Pro issos fint sos impleos,
Pro issos sint sos onores,
Sas dignidades mazores
De cheia, toga e ispada:
Et a su sardu restada
Una fune a s’impiccare!

35. Sos disculos nos mand’na
Pro castigu e curressione,
Cun paga e cun pensione
Cun impleu e cun patente;
In Moscovia tale zente
Si mandat a sa Siberia
Pro chi morzat de miseria,
Però non pro guvernare

36. Intantu in s’insula nostra
Numerosa gioventude
De talentu e de virtude
Oz’osa la lass’na:
E si algun ‘nd’imple’na
Chircaiant su pius tontu
Pro chi lis torrat a contu
cun zente zega a trattare.

37. Si in impleos subalternos
Algunu sardu avanz’na,
In regalos non bastada
Su mesu de su salariu,
Mandare fit nezessariu
Caddos de casta a Turinu
Et bonas cassas de binu,
Cannonau e malvasia.

38. De dare a su piemontesu
Sa prata nostra ei s’oro
Est de su guvernu insoro
Massimu fundamentale,
Su regnu andet bene o male
No lis importat niente,
Antis creen incumbeniente
Lassarelu prosperare.

39. S’isula hat arruinadu
Custa razza de bastardos;
Sos privilegios sardos
Issos nos hana leadu,
Dae sos archivios furadu
Nos hana sas mezzus pezzas
Et che iscritturas bezzas
Las hana fattas bruiare.

40. De custu flagellu, in parte,
Deus nos hat liberadu.
Sos sardos ch’hana ogadu
Custu dannosu inimigu,
E tue li ses amigu,
O sardu barone indignu,
E tue ses in s’impignu
De ‘nde lu fagher torrare

41. Pro custu, iscaradamente,
Preigas pro su Piemonte,
Falzu chi portas in fronte
Su marcu de traitore;
Fizzas tuas tant’honore
Faghent a su furisteri,
Mancari siat basseri
Bastat chi sardu no siat.

42. S’accas ‘andas a Turinu
Inie basare des
A su minustru sos pes
E a atter su… giù m ‘intendes;
Pro ottenner su chi pretendes
Bendes sa patria tua,
E procuras forsis a cua
Sos sardos iscreditare

43. Sa buscia lassas inie,
Et in premiu ‘nde torras
Una rughitta in pettorra
Una giae in su traseri;
Pro fagher su quarteri
Sa domo has arruinodu,
E titolu has acchistadu
De traitore e ispia.

44. Su chelu non faghet sempre
Sa malissia triunfare,
Su mundu det reformare
Sas cosas ch ‘andana male,
Su sistema feudale
Non podet durare meda?
Custu bender pro moneda
Sos pobulos det sensare.

45. S’homine chi s ‘impostura
Haiat già degradadu
Paret chi a s’antigu gradu
Alzare cherfat de nou;
Paret chi su rangu sou
Pretendat s’humanidade;
Sardos mios, ischidade
E sighide custa ghia.

46. Custa, pobulos, est s’hora
D’estirpare sos abusos!
A terra sos malos usos,
A terra su dispotismu;
Gherra, gherra a s’egoismu,
Et gherra a sos oppressores;
Custos tirannos minores
Est prezisu humiliare.

47. Si no, chalchi die a mossu
Bo ‘nde segade’ su didu.
Como ch’est su filu ordidu
A bois toccat a tessere,
Mizzi chi poi det essere
Tardu s ‘arrepentimentu;
Cando si tenet su bentu
Est prezisu bentulare.

1. Cercate di moderare,
Baroni, la tirannide,
altrimenti, per la mia vita!,
Tornate a piedi a terra!
Dichiarata è la guerra
contro la prepotenza,
e comincia la pazienza
nel popolo a venir meno

2. Badate che si sta levando
contro di voi l’incendio;
badate che non è un gioco,
che la cosa diventa realtà;
badate che non è un gioco,
la minaccia di un temporale;
gente mal consigliata,
ascoltate la mia voce.

3. Smettete di usare lo sprone
col povero ronzino,
altrimenti a metà strada
s’inalbera imbizzarrito;
badate che è stanco e magro
e non ne può più,
alla fine gambe all’aria
getterà basto e cavaliere.

4. Il popolo che in un profondo
letargo era sepolto,
finalmente si è destato
e si accorge di essere incatenato,
di pagare le conseguenze
della sua antica indolenza:
feudo, legge nemica
di ogni buona filosofia.

5. Come se si trattasse di una vigna
o di una tanca, un campo,
hanno ceduto i villaggi,
gratis o a buon mercato,
come un gregge
di pecore
uomini e donne
coi loro figli hanno venduto.

6. Per poche migliaia di lire
e talvolta per niente,
eternamente schiave
tante popolazioni,
e migliaia di persone
sono schiave del tiranno.
povero genere umano,
povero popolo sardo!

7. Dieci o dodici famiglie
hanno spartito fra loro la Sardegna,
in modo indegno
se ne sono impossessate;
hanno diviso i villaggi
nella buia e cieca antichità:
però attualmente
si pensa di porvi rimedio.

8. Il sardo nasce assoggettato
a mille obblighi;
tributi e tasse
che versa al signore,
in bestiame e grano,
in danaro e in natura,
e paga per il pascolo,
e paga per lavorare la terra.

9. Molto prima dei feudi
esistevano i villaggi,
ed erano loro a possedere
boschi e campi.
Com’è che a voi, Baroni,
È passata l’altrui proprietà?
Colui che ve l’ha data
non ve la poteva dare.

10. Non è pensabile
che deliberatamente
la povera gente abbia
rinunciato alle sue proprietà;
il titolo ergo è sinonimo
di irregolare appropriazione,
e i villaggi hanno ben ragione
di impugnarlo.

11. Inizialmente le tasse
almeno esigevate limitate,
poi esse sono andate
aumentando giorno per giorno,
in modo che con la loro crescita
siete diventati ricchissimi,
in modo che nello sperpero
abbandonavate ogni economia.

12. E’ inutile che parliate
di proprietà di antica data;
minacciando la galera,
punizione e pene,
ceppi e catene,
i poveri ignoranti,
diritti esorbitanti
avete costretto a pagare.

13. Almeno impiegaste le sostanze
per mantenere la giustizia,
castigando la malvagità
dei delinquenti locali;
almeno così un po’ di sollievo
gli onesti avrebbero avuto,
avrebbero potuto andare e venire
sicuri, per la strada.

14. Questo è l’unico fine
delle tasse e dei diritti,
che sicuri e tranquilli
si viva sotto la legge,
ma di ciò ci priva
il barone per avarizia
nelle spese per la giustizia,
solo là fa economia.

15. Il primo che si presenta
si nomina ufficiale,
faccia bene o male,
purché non chieda salario:
procuratore o notaio,
cameriere o lacché,
bianco o nero,
è adatto per governare.

16. Basta che si adoperi
per incrementare la rendita,
basta che soddisfi
la borsa del Signore;
che aiuti il fattore
a riscuotere velocemente,
e se vi è qualche renitente,
che lo sappia pignorare.

17. Come se fosse il Feudatario
talvolta governa il cappellano
i villaggi con una mano
e con l’altra la dispensa.
feudatario, pensa
che non hai i vassalli
solo per aumentare i tuoi beni,
solo per scorticarli.

18. Il patrimonio e la vita
per difenderli, il paesano,
con la armi in mano
occorre che stia notte e giorno;
data che deve essere così,
perché tanti tributi?
Se essi non danno alcun frutto
E ‘una pazzia pagarli.

19. Se il Barone non fa
il suo dovere,
vassallo, da parte tua
non hai obblighi alcuni;
i diritti che ti ha sottratto
in tanti anni passati,
sono denari rubati
e te li deve restituire.

20. Le rendite servono soltanto
per mantenere amanti,
per carrozze e livree,
per servizi inutili,
per alimentare i vizi,
per giocare a bassetta,
e poter gli istinti sessuali
sfogare fuori di casa.

21. Per poter avere piatti
quindici e venti a tavola,
affinché possa la marchesa
andare sempre in portantina,
la scarpa stretta, poverina,
la fa zoppicare,
le pietre pungono troppo
e non può camminare.

22. Solo per una lettera
il vassallo, poveretto,
fa giorni di strada
a piedi, senza compenso,
mezzo scalzo e nudo,
esposto alle intemperie,
eppure ha pazienza,
eppure deve tacere.

23. Ecco come si impiega
il sudore dei poveri!
Come, Eterno Signore,
sopportate tanta ingiustizia?
Voi, divina Giustizia,
ponete rimedio alle cose,
voi rose dalle spine,
solo Voi potete far nascere.

24. O poveri dei villaggi,
lavorate, lavorate,
per mantenere in città
tanti stalloni,
a voi lasciano la paglia,
loro prendono il grano,
e pensano mattina e sera
soltanto ad ingrassare.

25. Il Signor Feudatario
si alza alle undici:
dal letto alla tavola,
dalla tavola al gioco;
e dopo, per svago,
va a cicisbeare
fino al tramonto
teatro, balli, allegria

26. Quanto diversamente
passa il tempo il vassallo!
Prima dell’aurora
è già in campagna,
vento o neve nella montagna,
sole ardente in pianura,
o poveretto, come
può resistere tanto?

27. Con la zappa e con l’aratro
lotta tutto il giorno,
verso mezzogiorno
si ciba solo di pane,
viene trattato meglio il cane
del Barone, in città,
se è di quella razza
che solitamente portano in tasca.

28. Temendo che si ricreino
disordini tanto grandi,
con intrighi e inganni
le Corti hanno impedito;
e hanno disperso
i patrizi più zelanti,
dicendo che erano petulanti
e contrari alla Monarchia.

29. A coloro che in favore
della patria hanno lottato,
che hanno impugnato la spada
per la causa comune,
o una fune al collo,
meschini, volevano mettere,
o come Giacobini
li volevano massacrare.

30. Però il cielo ha difeso
i buoni in modo evidente
ha atterrato il potente,
ed esaltato gli umili.
Iddio, che si è dichiarato
in favore della nostra patria,
da ogni vostra minaccia
egli ci salverà.

31. Perfido feudatario!
Per interesse personale
Un protettore dichiarato
Sei dei piemontesi:
con loro ti accordasti
con molta facilità,
lui mangia in città,
e tu in paese, a gara.

32. Era per i piemontesi
una cuccagna, la Sardegna:
come la Spagna nelle Indie
essi si trovavano qui;
ci alzava la voce
perfino un cameriere;
o plebeo o cavaliere,
il sardo si doveva umiliare.

33. Loro dalla nostra terra
hanno portato via milioni,
venivano senza pantaloni
e ripartivano gallonati.
Mai fossero venuti
che ci hanno bruciato tutto!
Maledetto il paese
Che crea una simile razza.

34. Loro qui incontravano
matrimoni vantaggiosi,
per loro erano gli impieghi,
per loro erano gli onori,
le maggiori dignità
di chiesa, toga e spada:
e al sardo restava
una fune per impiccarsi.

35. Ci mandavano i peggiori
per castigo e pena,
con salario e pensione,
con impiego e con patente.
A Mosca gente simile
La mandano in Siberia,
ma per farla morire di miseria,
non per governare

36. Intanto nella nostra isola
numerosi giovani
il talento,muniti di virtù,
li lasciavano nell’ozio;
e se ne impiegavano alcuno
cercavano il più tonto,
perché a loro conveniva
trattare con gente stupida.

37. Se in lavori subalterni
qualche sardo faceva progressi,
per fare regali non gli bastava
metà salario,
inviare si dovevano
cavalli di razza a Torino,
e casse di buon vino,
Cannonau e Malvasia.

38. Garantire al Piemonte
la nostra argenteria e l’oro
è del loro governo
la massima fondamentale.
Del regno sardo, vada bene o male,
a loro non importa nulla,
anzi credono che non sia conveniente
lasciarlo prosperare.

39. Hanno rovinato l’isola
questa razza di bastardi,
i privilegi sardi
che li hanno portati via;
hanno rubato dagli archivi
i documenti più importanti,
e come scritti inutili
li hanno fatti bruciare.

40. In parte, di questo flagello,
Dio ci ha liberati,
i sardi hanno cacciato
questo odioso nemico
e tu sei suo amico,
indegno barone sardo;
e tu ti adoperi
per farlo ritornare!

41. Per questo, sfacciatamente,
preghi per il Piemonte.
Falso! Che hai in fronte
Il marchio del traditore,
tue figlie tanto onore
fanno al forestiero,
anche se fosse un lavagabinetti,
purché non sia sardo.

42. Se per caso vai a Torino
là devi baciare
i piedi al Ministro,
e ad altri il…, già mi capisci,
per ottenere ciò che chiedi
vendi la tua patria,
e forse cerchi nascostamente
di screditare i Sardi.

43. Là lasci la borsa,
e ritorni con in premio
una croce sul petto,
una chiave sul sedere:
per costruire la caserma
hai distrutto la casa,
e hai guadagnato il titolo
di spia e traditore.

44. Il cielo non lascia sempre
trionfare il male;
il mondo deve porre rimedio
alle cose che vanno male;
il sistema feudale
non può durare molto,
il vendere per denaro
i popoli, deve terminare.

45. L’uomo che l’impostura
aveva già degradato,
pare che all’antica dignità
voglia tornare nuovamente:
pare che il suo rango
L’umanità rivendichi 
sardi miei, svegliatevi
e seguite questa guida.

46. Questa, popoli è l’ora
di estirpare gli abusi!
A terra i cattivi usi,
a terra il dispotismo!
Guerra, guerra all’egoismo!
E guerra agli oppressori,
questi tiranni di poco valore
bisogna umiliarli.

47. Se no qualche giorno a morsi
vi taglierete il dito,
ora che l’ordito è gettato
a voi tocca a tessere;
badate che poi può essere;
tardivo il pentimento;
quando il vento è favorevole
bisogna trebbiare.